(VIDEO) L’Onore e il Rispetto: rivedi la puntata (28/04/2017)

Tonio Fortebracci è vivo. L’ultimo capitolo de L’Onore e il Rispetto. Si risveglia in una cantina buia ed isolata: sono passati due anni da quando De Nicola e i suoi uomini, uccisero Carmela, il suo grande amore, costringendo la sua famiglia a fuggire lontano… Ma Tonio non ricorda nulla. Le torture subite in questi anni gli hanno fatto perdere completamente la memoria. Dunque, fuggito dalla sua prigione nella campagna assolata di Sirenuse, cerca disperatamente di ricordare il suo nome e di recuperare la sua identità: quella di essere stato uno spietato Padrino della Mafia ma di aver deciso di non volerne fare mai più parte. Tonio, cercherà vendetta per la morte di Carmela e della sua famiglia. Tutti devono pagare con la vita per quello che gli è stato tolto. In primis proprio De Nicola ed il suo complice, il Procuratore Trapanese. I due intanto, ancora ignari della ricomparsa di Tonio, continuano i loro traffici di droga attraverso la Madre Superiora Suor Lucia. Ma la presenza della affascinante Rosalinda inizia a separare i loro interessi. Tonio non sa che una grande sorpresa lo attende, una sorpresa tale da mettere in discussione tutti i suoi obiettivi…


CLICCA QUI – RIVEDI LA PUNTATA

CLICCA QUI – RIVEDI SINGOLE CLIP


Tonio, grazie a un accordo con Il Marsigliese, riesce a risalire al politico che sponsorizza l’affare della raffineria a Sirenuse: il ministro Cusano, mandante delle torture a lui inflitte a e marito di Chantal, l’affascinante e misteriosa donna con cui Tonio ha avuto una notte di passione.

Fortebracci ora vuole solo vendicarsi ma un imprevisto intralcerà il suo piano, anche Suor Lucia infatti ha sete di vendetta e proprio contro Ettore De Nicola, colpevole di averla sedotta e abbandonata. Per Tonio però non è finita, conosce Giada, una ragazza bellissima e piena di debolezze, che immediatamente ispira in lui un forte senso di protezione. Rosalinda, intanto, con la sua abilità riesce ad entrare in affari con la Contessa Minniti e ad estromettere suo zio, il Procuratore Trapanese…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *